Mudra

Mudra

La parola sanscrita mudra è tradotta con “gesto” o “atteggiamento”. I mudra possono essere spiegati come gesti o atteggiamenti psichici, emozionali, devozionali o estetici. Gli yogi hanno sperimentato i mudra come modalità del flusso dell’energia designate a collegare la forza pranica individuale con la forza cosmica o universale. Mudra è anche definito come “sigillo”, “scorciatoia” o “circuito di deviazione”.

I mudra sono una combinazione di movimenti fisici sottili che modificano lo stato d’animo, l’attitmududine e la percezione e che rendono più profonda la consapevolezza e la concentrazione. Un mudra può coinvolgere tutto il corpo in una combinazione di asana, pranayama, bandha e tecniche di visualizzazione o può essere una semplice posizione della mano. L’Hatha Yoga Pradipika e altri testi yogici considerano i mudra una yoganga, una branchia indipendente dello yoga, che richiede una consapevolezza molto sottile. I mudra sono pratiche superiori che portano al risveglio dei prana, dei chakra e della kundalini e che conferiscono al praticante avanzato i siddhi (poteri psichici) principali. Gli atteggiamenti e le posizioni assunte durante la pratica dei mudra stabiliscono un collegamento diretto tra annamaya kosha, il corpo fisico, manomaya kosha, il corpo mentale e pranomaya kosha, il corpo pranico. Inizialmente, questo pone il praticante in condizione di sviluppare la consapevolezza del flusso del prana nel corpo, successivamente stabilisce un equilibrio pranico tra i kosha e consente di dirigere l’energia sottile verso i chakra superiori, inducendo stati superiori di coscienza.

hjh

I mudra dirigono il prana nello stesso modo in cui l’energia, nella forma di luce o di onde sonore, viene deviata da uno specchio o da una parete rocciosa. Le nadi e i chakra irradiano costantemente prana che normalmente sfugge dal corpo e si disperde nel mondo esterno. Creando delle barriere all’interno del corpo attraverso la pratica dei mudra, l’energia viene canalizzata all’interno. La letteratura tantrica afferma che quando la dissipazione del prana viene sospesa attraverso la pratica dei mudra, la mente diventa introversa, inducendo lo stato di pratyahara, o ritiro dei sensi, e dharana, o concentrazione. Per la loro capacità di ridirigere il prana, i mudra sono tecniche importanti per risvegliare la kundalini e per questo sono ampiamente inclusi nelle pratiche di kriya e kundalini yoga.

In termini scientifici, i mudra forniscono un mezzo per accedere e influenzare i riflessi inconsci e i modelli di comportamento istintivi e primari che hanno origine nelle aree primitive del cervello intorno al peduncolo cerebrale. Essi stabiliscono una connessione sottile, non intellettuale, con queste aree. Ogni mudra instaura un diverso collegamento ed ha, in modo corrispondente, un effetto differente su corpo, mente e prana. Lo scopo è creare posture e gesti fissi e ripetitivi che possano strappare il praticante dai modelli comportamentali istintivi e stabilire una coscienza più raffinata.

Bibliografia: Asana – Pranayama – Mudra – Bandha (Swami Satyananda Saraswati).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.